Posts Tagged: FESTIVAL

GLI STATI DELLA MENTE. A conclusione di un festival

Il seguente testo fa da intro al catalogo GLI STATI DELLA MENTE realizzato a compendio della prima edizione del festival di arte e cultura sul tema della salute mentale, realizzato a Vicenza dal 14 al 30 ottobre 2016.

Quando, lo scorso anno, due fotografi mi proposero di curare la loro videoinstallazione sugli Ospedali Psichiatrici Giudiziari non sapevo quanto articolato e nuovo sarebbe stato il risultato di questa collaborazione. Non avevo idea che, portando a Torino il lavoro realizzato da Franco Guardascione e Marco dal Maso in merito ai sei OPG d’Italia, chiusi nel 2015, avrei trovato un enorme interesse nei confronti del tema della malattia mentale. Quando cominciai a parlarne a Vicenza, con l’intenzione di mostrare quell’impressionante reportage anche nella mia città, cercando di contestualizzare correttamente un lavoro di reportage sui luoghi e le persone che la malattia mentale l’hanno vissuta in prima persona, non immaginavo avrei trovato un terreno tanto fertile e una collaborazione tanto appassionata.
Da quella prima esperienza torinese sorse l’intenzione di non limitarmi a presentare a Vicenza una singola esposizione – che con ogni probabilità si sarebbe persa nei meandri dell’ormai fitto e variegato programma culturale cittadino – ma di tentare una via certamente più articolata e complessa ma che, al fine di far conoscere e attivare un dialogo a proposito e attorno al tema in oggetto, certamente si sarebbe rivelata più efficace: quella di realizzare un festival.

14991848_1130236247052304_3824829509620079899_n

Catalogo del festival

Vicenza, che ha alle spalle una storia piuttosto lunga legata alla malattia mentale (con una struttura ospedaliera dedicata ai malati di mente edificata alla fine Ottocento, ora sede del Dipartimento di Salute Mentale dell’ULSS 6) ha risposto con grande entusiasmo alla mia proposta di realizzare un festival artistico sul tema della salute mentale. Nell’ultimo anno ho lavorato assiduamente per dare vita a un network capillare che coinvolgesse in primis le istituzioni locali (la manifestazione è realizzata in collaborazione e con il contributo del Comune di Vicenza, e con il Patrocinio della Provincia), e sanitarie, attivando un sodalizio con il Dipartimento di Salute Mentale (ottenendo anche il patrocinio dell’Azienda ULSS 6) ma soprattutto instaurando un progetto di collaborazione con le realtà locali (associazioni, cooperative, fondazioni) che sul territorio vicentino lavorano da anni a favore della promozione e della tutela della salute mentale. Questo ha permesso agli interventi artistici di trovare un ambiente accogliente dove le radici del progetto “Gli Stati della Mente” hanno attecchito con naturalezza.

La proposta artistica e culturale pertanto si muove all’interno di quattro grandi sezioni, all’interno delle quali si distribuiscono, in venti location differenti (la maggior parte in centro storico, e una in provincia – a Santorso) gli oltre trenta eventi presenti in calendario: MOSTRE, TEATRO, LABORATORI e DIALOGHI.

Quattro macro aree, grandi contenitori per eventi che in realtà si diversificano moltissimo l’uno dall’altro, per tipologia e per target di pubblico a cui si rivolgono: dalle mostre di fotografia alle performance di danza; dalle videoinstallazioni ai percorsi guidati, dalle proiezioni cinematografiche ai workshop teatrali, dalle danze popolari alle esposizioni d’arte contemporanea, dalle session di live painting alle conferenze. Tutti appuntamenti che, concentrati su due weekend nell’arco di tre settimane, vedono il coinvolgimento di un numero considerevole di protagonisti, siano essi artisti, performer, musicisti, danzatori, scrittori, ma anche psichiatri, psicologi, educatori.
I momenti di dibattito, aperti alla cittadinanza e delocalizzati rispetto ai consueti ambiti sanitari, riportano uno spaccato importante del rapporto tra psichiatria e arte intesa come terapia, o arte come elemento in grado di valorizzare un contesto (ambientale, sociale) migliorando la qualità di vita dell’individuo.

Inaugurazione del festival Gli Stati della Mente, Vicenza 14-30 ottobre 2016. Ph. Andrea Rosset

Inaugurazione del festival –
ph. Andrea Rosset

Un festival di arte e cultura, per parlare di salute mentale. Fin da questa sua prima edizione la manifestazione ragiona in una prospettiva di lungo periodo, proponendo ai numerosi partner un coinvolgimento a tutto tondo, che porti un beneficio duraturo in termini di qualità e di affidabilità del progetto non solo al festival, ma anche e soprattutto alla città di Vicenza.

Il grande lavoro di relazione intessuto per questa prima edizione è pietra miliare di un percorso che, mi auguro, cresca e si sviluppi, affrontando sempre nuove forme d’arte e attivando suggestioni, dando vita a dibattiti e aprendo a riflessioni sempre più ampie attorno al tema della salute mentale, allontanandoci con convinzione è costanza dalla paura e dallo stigma nei confronti della sofferenza psichica.

Il festival GLI STATI DELLA MENTE è stato realizzato in collaborazione con Laboratorio Arka, con il sostegno di Cassa di Risparmio del veneto, in collaborazione e con il contributo del Comune di Vicenza, il patrocinio dell’Azienda ULSS 6 (Dipartimento di Salute mentale) di Vicenza e la Provincia di Vicenza

Petra Cason, direttore artistico e ideatrice del festival

(Immagine in evidenza: Marco Cavallo e il pubblico, all’inaugurazione del festival in Loggia del Capitaniato, Vicenza. Ph. Andrea Rosset)

Facebook Twitter Pinterest

SHOUT. Il concetto dell’illustrazione (con intervista)

Un ibrido tra un racconto, una recensione e un’intervista.

Nella suggestiva penombra dei sotterranei di Palazzo Chiericati si terrà fino all’8 dicembre prossimo, il primo evento di Illustri Festival, ALESSANDRO GOTTARDO (IN ARTE SHOUT) SELECTED WORKS, sèguito dell’esposizione dello scorso anno (curata anch’essa dall’illustratore Ale Giorgini) che raccoglieva per la prima volta per Vicenza, all’interno della Basilica Palladiana, “undici illustratori under 40 che il mondo ci invidia”.

027_nb_20141025_4709_color_lr

Alessandro Gottardo aka Shout

Uno di questi era proprio Shout, che torna a Vicenza con una selezione di lavori che ripercorrono la sua carriera di illustratore dal 2005 al 2014. Un viaggio a ritroso lungo le quattro sale interrate, attraverso opere che vanno dalle ultimissime tavole (con inediti), elaborate in digitale, passando per le acquetinte e i ritratti, fino ai disegni a penna datati 2011, breve ritorno all’amato analogico delle origini.
Shout, un uomo schivo e riservato, ha scelto la caotica Milano per vivere e lavorare.

Facebook Twitter Pinterest