Mappa morbida per una geografia della Mente

Agli inizi di questo 2019 ho curato la mostra collettiva STATES OF MIND, esito della prima edizione del Premio di arte contemporanea Under 35 realizzato nell’ambito del programma di attività di Gli Stati della Mente, Festival di arte e cultura sulla salute mentale.

In esposizione presso Palazzo Valmarana Braga dal 1 al 17 febbraio le 15 opere degli artisti finalisti del Premio.

Qui il mio testo, pubblicato sul catalogo assieme ai contributi dei giurati Simona Bordone, Orietta Brombin, Riccardo Caldura, Gabi Scardi, Luigi Viola.

Quando, nel 2016, al Festival diedi il nome “Gli Stati della Mente”, avevo in mente una geografia emotiva. Chiedevo al linguaggio dell’arte di fare strada al tema della salute mentale, e nel mio (e suo) incedere prendeva forma la visione delle splendide “stoffe geografiche” del grande maestro Alighiero Boetti. Mappe di lana, intessute fittamente come grandi arazzi antichi, dai colori sgargianti. Bandiere intrise d’ideali, nella maggior parte dei casi sorpassate dopo pochi anni. L’andamento del mondo, tuttavia, non può essere letto se non come un’amplificazione quasi esasperata di quella area piuttosto circostanziata geograficamente che è la mente umana. Questo ci fa procedere – nel mondo reale – attraverso le lotte sinaptiche che avvengono nel suo imperscrutabile interno, in grado di sfondare i limiti fisici, di oltrepassare ogni costrizione. O di alzare svettanti barricate… Questi “Stati della Mente” sono dei non-luoghi, all’interno dei quali tutto può accadere. Che forma hanno, che consistenza hanno? Sono liquidi, come la coscienza di baumiana memoria. Sono solidi, come le radici sulle quali tentano di posarsi. Ma più frequentemente sono ibridi, com’è il vetro, che si crede un cristallo senza doverlo essere. Sono gassosi, e dolciastri al palato, come tanti calici di vino spumante. States of Mind, nella sua veste di prima edizione di premio d’arte dedicata alle giovani generazioni di artisti, avanza a piccoli passi, e mentre procede mette in luce una nuova “mappa morbida”. La trama di questo nuovo arazzo la chiama “contemporaneità”; l’ordito – premessa di un’esecuzione – “racconto limbico”. Ma anch’esso, il “racconto limbico”, è qualcosa di più di un tema: è una cima lanciata verso una mano pronta ad afferrarla. Può essere usata per legare stretto, o annodata per farne una rete, o un cavo ben teso per farci raggiungere, quasi in punta di piedi, il grattacielo dall’altra parte. Sono proprio queste “storie a margine” a creare il tessuto connettivo della mostra collettiva, dove ognuna delle quindici opere che la compongono diventa ganglio prezioso di un pensiero che scorre veloce. Un appiglio della mente, che può soffermarsi, imbattersi in una superficie rifrangente sulla quale specchiarsi, per trovarsi diversa. O non trovarsi per nulla, piuttosto perdersi. C’è una componente poetica che coinvolge quasi tutti i lavori in mostra. Il rapporto con il tempo: è un passato gravido di ricordi – molti da rielaborare, alcuni distillati come essenze odorose, altri definiti come reperti archeologici; o è un presente sospeso, dove spesso la figura umana ritorna con brani di sé, trasmutata, o tendente a scomparire. Così come la dimensione sonora. Il white noise di un elettrodomestico acceso, un silenzio solo apparente. O un grido improvviso che squarcia la quiete. Sta a noi decidere quale Stato abitare, sfumatura dell’animo o traiettoria mentale. Sta solo a noi il gioco di figurarlo o di progettarlo, di tentarlo nuovo o di accoglierlo così com’è.

Facebook Twitter Pinterest

STATES OF MIND_PRIZE La “marginalità dell’essere” e l’arte contemporanea

Dal 24 settembre al 5 novembre è aperto il bando al premio di arte contemporanea STATES OF MIND_PRIZE dedicato agli artisti UNDER35.

Ho ideato questo premio all’interno del programma culturale di Gli Stati della Mente – Festival di Arte e Cultura per affrontare il tema della 2^ edizione del Festival, “Racconti limbici” ovvero la marginalità dell’essere, attraverso i linguaggi dell’arte contemporanea.

Per concedere al Premio un approccio più ampio si è scelto di dare vita ad un sodalizio tra Vicenza, città in cui il progetto nasce, con uno dei luoghi più attivi in Italia nell’ambito del contemporaneo, ovvero Torino.
Questo grazie alla collaborazione con Fusion Art Gallery – Inaudita, galleria che ospiterà l’artista vincitore, e il patrocinio concesso da PAV Parco Arte Vivente importante istituzione artistica.

Altro importante patrocinio di cui si avvale il Premio è concesso dall’Istituzione Fondazione Bevilacqua La Masa, per statuto dedita al sostegno delle giovani generazioni di artisti, mentre collabora alla diffusione del bando l’Archivio Viafarini.

L’adesione al Premio è a titolo gratuito. Una scelta dettata da un’attenzione particolare nei confronti degli artisti più giovani, ai quali non si preclude l’accesso con quote di iscrizione, ma si assicura loro un’accurata valutazione delle proposte progettuali da parte di una giuria di esperti del settore: Simona Bordone, Orietta Brombin, Riccardo Caldura, Gabi Scarsi e Luigi Viola.

Una mostra collettiva permetterà al pubblico di confrontarsi con le opere dei finalisti al Premio, ospitata presso uno splendido monumento palladiano, Palazzo Valmarana Braga a Vicenza, il prossimo febbraio.

STATES OF MIND_PRIZE è realizzato con il sostegno del MiBACT e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”.

Tutte le info, il bando e il modulo di adesione sono alla pagina PRIZE del sito www.glistatidellamente.com

Facebook Twitter Pinterest

innervazione. appunti per monte ricco

Caro,
Ho scritto qualche riga a proposito di come mi sto immaginando la mostra a Monte Ricco. Un’entità dalle fattezze un po’ animali, un po’ vegetali, che si muove e cresce dentro l’esoscheletro del Forte.

Ho una visione ad anelli concentrici di questa mostra. Tre cerchi, i nostri, che non si toccheranno se non grazie alle connessioni tra alcune opere, in qualche modo condivise.
Io mi prenderei l’anello di mezzo – un nucleo ristretto di opere come elementi di congiunzione tra il “tuo” Brain Tooling – più esterno e che tutto ingloba – e TC DC, nel midollo.

Chiaro che ci sono per curare la mostra nella sua interezza, al vostro fianco, ma forse può essere sensato concedermi di “prendermi cura” in misura maggiore di questa sezione “trasversale”. Che ne pensi?

 Letta la tua ultima mail. Tra domani e lunedì guardo gli artisti in lista che ancora non ho visto e, a seconda di come decideremo di procedere, suggeriró anch’io qualche nome (o forse qualche opera, già).
A presto!

Ps. L’ha finita di fare un inverno al giorno lì? 

Petra

 

innervazione

A partire da una nervatura.
Leggere un’intera mostra come la risultante di un’innervazione che, lentamente, inesorabilmente, si propaga.

/Innervazione/ è del nervo che irradiandosi sostiene, collega, agisce.
Sull’organo che, da solo, può poco. Il nervo sostiene, trattiene, e permette.
/Innervazione/ è del tappeto di ife nel sottobosco, l’intreccio tentacolare del micelio che si insinua tra la vegetazione, tra le protuberanze minerali.  È del fascio ordinato che trama il tessuto fogliare.

/Innervare/ è dell’azione. La linfa vitale che irrora le propagazioni e le nutre, le accresce.
Propagazioni nervose, in trame di carne e sangue.
Propagazioni vegetali, in diramazioni dense di fibre e clorofilla.

Opere come organi di un’entità unica. Dialogano con lo spazio che li accoglie, capace di dilatarsi fino al grado massimo di tensione. Fino ad aderire con la pelle, sfociando in un rapporto osmotico.
Incubato nell’esoscheletro in pietra, ogni organo/opera si fa propulsore del movimento di disseminazione e vitalità del tutto. E quindi due, tre, sette cuori. Sei cervelli, due fegati, cinque pancreas, quattro milze, un numero indefinito di tratti intestinali, per far funzionare il sistema.

Questo organismo pulsante è assoggettato all’ordine di forze che insistono secondo un moto centrifugo. L’innervazione prosegue, inesorabile, attraverso la permeabilità dell’esoscheletro.
La spinta è irregolare, nella forza e nella durata. Ma inevitabile. È il sasso che cade nell’acqua e provoca un’onda inerziale. Non si esaurisce, ne è fuori.

 

/stralcio del carteggio mail con gianluca d’incà levis, nella fase di pianificazione della mostra ‘brain tooling’, inaugurata al forte di monte ricco a pieve di cadore il 30 giugno 2018. mostra curata da gianluca d’incà levis, riccardo caldura e petra cason, che qui scrive/

Foto di copertina di Giacomo De Donà per Dolomiti Contemporanee

 

Facebook Twitter Pinterest

Cala il sipario. Gli Stati della Mente

Pagina 1 di 2712345...1020...Ultima »