Posts Tagged: INDEPENDENTS4

“C’è crisi. C’è grossa crisi.”

“C’è crisi, c’è grossa crisi.” Ultimo giorno di ArtVerona Fiera, scambiando le ultime considerazioni con i miei compagni di viaggio, gli Independents vicino al Take Care Corner, gli altri blogger, non ho potuto non sorridere ripensando al geniale Corrado Guzzanti ai tempi dell’improbabile “Quelo”. “C’è crisi. C’è grossa crisi”.
Finchè scrivo le gallerie a fianco a noi stanno cominciando a smontare i propri stand. Noi faremo un po’ meno fatica, gli Independents (scelti da Fuori Biennale, partner di ArtVerona da 4 edizioni) non hanno uno stand, hanno dei moduli di legno che in questi cinque giorni sono diventati scaffali, sedute, tavolini, scrivanie, espositori…Ognuno ha tentato di personalizzare al meglio il proprio spazio. Io ho portato, come ormai sapete bene, una poltrona e una lampada, per dare uno spazio fisico, quindi concretezza, al tempo che avrei voluto dedicare (e che alla fine ho dedicato) ad ascoltare racconti di artisti e curatori sull’arte, sul loro modo di vivere e fare l’arte.

La crisi c’è. Sicuro, non devo di certo essere io a dirlo. Forse l’ha detto il debole afflusso di pubblico alla fiera, l’inaugurazione non esattamente scoppiettante di giovedì, i musi lunghi di certi galleristi rinchiusi nei loro stand, ma se c’è una cosa che ha risollevato il mio morale è stata la scoperta dei progetti che le realtà indipendenti, ospiti del – seppur scarno e forse un po’ bistrattato – corridoio fluido degli Independents, (compagine mediana dei due padiglioni, il 10 e l’11, tanto calpestati in questi cinque giorni di fiera) che con le loro proposte hanno saputo dare un po’ di vita, una svecchiata al “museo delle cere” che a volte pareva di abitare. Tentativo non tanto di superare la crisi, non è neppure più quello il problema, ma dimostrazioni di tenacia, di voglia di fare, di costruire, di procedere, nonostante tutto.

L’educazione, a tutti i livelli, manca di un insegnamento fondamentale, non considerato, ma che dovrebbe essere alla base della formazione di ogni individuo: l’educazione al desiderio. A trent’anni suonati, ragazzi che dicono che non sanno cosa vogliono fare da grandi mi fanno rabbrividire. Significa che in tutto questo tempo non si sono mai chiesti quali sono le loro aspirazioni, i loro sogni, non si sono posti il problema di come poter raggiungere determinati obiettivi e come aggirare o superare certi ostacoli? Significa che non hanno sperato? E’ questa la crisi. E’ questo che fa mettere in crisi. Un individuo come un’intera società. Come si può pensare di evolvere se non si sa che si può, si deve, desiderare?

Nel post Venetudine e Disoccupatia mi chiedevo giusto se ci sarebbe stato lo spazio, in una fiera dell’arte, per riflettere sulla questione “Ma dove diavolo stiamo andando?”. Ecco come rispondono alcuni degli Independents ad oggi: “nomen omen” nel progetto di Unità di crisi, Krisis Magazine, un nome che è uno schiaffo alla crisi. Collettivo di ricerca composto da designer e teorici della comunicazione con sede a Brescia, cura un volume tematico non periodico che propone riflessioni critiche in merito al tema del design, all’arte e alla comunicazione tout court rispetto allo stato di crisi permanente. Assieme ad Andrea Facchetti ho sfogliato le due pubblicazioni, Krisis Identities (sulla crisi dei modelli di rappresentazione dell’identità) e Krisis Orientation, che analizza le cause del disorientamento diffuso all’interno del mondo che si abita.

Facebook Twitter Pinterest

A CASA DELL’ARTISTA / MYHOMEGALLERY

Il primo giorno di fiera è volato. L’ospite di ieri è stato il fotografo Andrea Rosset il quale si è trovato così a suo agio sulla poltrona del Take Care Corner che ci è rimasto per più di un’ora e mezza a raccontare dei suoi progetti artistici. A questa lunga chiacchierata dedicherò un post nei prossimi giorni, non appena il flusso iperattivo della Fiera si sarà placato!

Art Verona oggi pomeriggio inaugura le realtà ospitate in questo spazio, dove siamo pure noi blogger, chiamato Independents. A dir la verità più che uno spazio è un ampio corridoio non delimitato, all’interno del quale collettivi di artisti, associazioni, gruppi di curatori e artisti hanno tentato di dare una forma alle loro identità, così diverse dalle gallerie che ospitano gli stand cubiti tutt’attorno.

Nel mio pellegrinaggio mattutino per i padiglioni mi sono fermata a chiacchierare con Valentina, la quale mi ha parlato della piattaforma on line My Home Gallery. Per l’amore che ho per le case e l’arte che finisce nella vita di tutti i giorni non potevo non farmi appassionare da questo progetto. Semplice ed efficacissimo!

Ecco come funziona: un artista si può iscrivere al sito, gratuitamente, e così far conoscere il proprio lavoro e il proprio spazio. Altrettanto gratuitamente un visitatore si può accreditare e poi cercare, in Italia o all’estero, gli artisti della zona alla quale è interessato. In alcuni casi le connessioni sono di scambio reciproco: Valentina mi ha parlato che alcuni artisti accompagnano i turisti per la loro città, o addirittura offrono ospitalità come un “art couchsurfing”.

Gli artisti MyHomeGallery aprono le porte di casa come fossero una galleria, esponendo e vendendo le loro opere nel luogo in cui vivono. Prova un turismo culturale alternativo e scopri l’anima bohèmien della tua città o di quella che stai visitando!“, cita il cartoncino di my home gallery, con appesa ad un filo una chiave: quale porta andrà ad aprire?

myhomegallery

Facebook Twitter Pinterest

Venetudine e Disoccupatia. Non si sa cosa si cerca, si sa cosa si trova?

Il Take Care Corner sarà ospitato all’interno di un padiglione fieristico. Un edificio in perfetto stile industriale, che non si differenzia granchè in struttura ed aspetto dai numerosi capannoni che costellano la maggior parte del territorio veneto. Verona non fa eccezione alle altre città della regione: l’economia rosea, anzi rubiconda, del nordest produttivo, quella dei piccoli e medi imprenditori, delle ditte familiari a cavallo tra gli Ottanta e i Novanta, del benessere diffuso e anche un po’ ostentato, è ormai cosa del passato. Anche qui si risente fortemente della crisi. C’è chi già ne parla citando i “bei tempi”. L’erba che cresce sul piazzale della fabbrica è il primo sintomo del declino, del tracollo, del fallimento.

Ad una fiera dell’arte non penso non ci sarà spazio per fare alcune riflessioni in merito ad una questione piuttosto banale se vogliamo, ma pur sempre un “evergreen”: dove stiamo andando? Chiaro, le elucubrazioni maggiori saranno in ambito artistico, ma non credo che l’andamento del mercato dell’arte possa svicolarsi di molto dall’andamento economico generale; nemmeno lui può sottrarsi alle varie crisi, alle spending review, ai tagli di fondi, alle cinghie che stringono: la cultura piange lacrime amare. Io non vorrò di certo intristire il Gentile Pubblico che verrà ad assistere ai talk del Corner di Olivares cut, ma stimolarlo a pensare sì, quello lo posso fare.
E parto sin da ora, non lasciando tutta la sorpresa alla Fiera ma aprendo già qualche porta affinchè si possa spiare dalla fessura, scostando una tenda, presentando un po’ due progetti, entrambi opera di due ospiti del Corner, che con Verona e con l’attualità hanno molto a che fare: Venetudine e Disoccupatia.

Questi i titoli di due lavori ampi (uno dei quali work in progress ma già con una sua identità precisa), diametralmente opposti per approccio, riconducibili ad uno stesso fine, quello del ‘raccontare’: entrambi lasciano un vago sapore amaro in bocca. Più che il tema affrontato è il modo in cui questo viene elaborato, concettualmente prima, esecutivamente poi, che scuote.


da “Venetudine” – Fratelli Calgaro

Venetudine è quasi uno stato d’animo. Ed esce dall’obiettivo sagace della Fratelli Calgaro, coppia di fatto composta dal fotografo e il filosofo che convivono all’interno di uno stesso corpo, quello di Beppe Calgaro.
Dal suo peregrinare per la campagna veneta, dopo anni di messinscene dalla perfezione maniacale, ecco apparire una collezione di “objet trouvé”: paesaggi vagamente riconoscibili – come nei Capricci del Canaletto, nei quali ognuno rivede un angolo della Venezia che conosce – da noi che queste regione ce l’abbiamo sotto pelle. Vedute talmente reali (lo sono!) che un angolo della bocca si solleva in un quasi impercettibile sorriso, a riprova che quello che si sta guardando lo si comprende…ma non del tutto: in Venetudine ci imbattiamo in scene che si appiccicano addosso alla mente come la nebbia umida di novembre fa con i cappotti: sembra tutto in ordine ma c’è un particolare che disturba, si convive con il paradosso come fosse la consuetudine.

Facebook Twitter Pinterest

Preparativi per Take Care Corner

Olivares cut sta preparandosi per l’appuntamento di ottobre. Art Verona Fiera è ormai alle porte…Dopo aver dato definitivamente per dispersa la poltrona che avrei voluto portare, ed essermi sincerata del buon funzionamento della lampada, finalmente ho potuto dedicarmi a quella che era la priorità: gli Ospiti.
Nelle ultime settimane ho deciso quali ospiti invitare al Take Care Corner visitando i loro studi, confrontandomi con loro, discutendo su quali progetti portare all’attenzione. Alcuni sono “vecchie” conoscenze, altri recentissimi incontri. Alcuni artisti, altri curatori; alcuni navigati, altri agli esordi della propria carriera artistica, è vero, ma dei quali apprezzo il lavoro in crescita, degno di essere sviscerato.
Ai miei ospiti ho chiesto di venirsi a raccontare, spiegando loro le finalità del Corner, che ancora una volta ribadisco: nel mio personale approccio curatoriale l’aspetto ‘emozionale’ ha una particolare rilevanza, per entrare in connessione con gli artisti stessi così come per comprendere più dettagliatamente le motivazioni che stanno dietro a certe scelte stilistiche, a un determinatomodus operandi. Pertanto il racconto è funzionale alla conoscenza.
Questo “taking care” consiste nell’instaurare un rapporto di fiducia ed empatia che va al di là del solo rapporto professionale, ritenendo che il legame che si va a creare sia fondamentale  alla progettazione di azioni future, artistiche o curatoriali, che coinvolgano le parti con una modalità bidirezionale. Da queste conversazioni ne usciranno dei documenti, testi che andranno a comporre il blog, certamente, ma anche reti, relazioni, scambi di considerazioni, proposte, idee.
Il Corner sarà un angolo senza pareti, uno spazio libero al quale chiunque potrà accedere come uditore ma anche, attivamente, come interlocutore, conoscendo a propria volta gli Ospiti, creando con loro un’interazione.
Questo il calendario del Take Care Corner, con i link ai siti degli Ospiti, per cominciare a conoscerli.

Giovedì 10 ottobre

Venerdì 11 ottobre

Sabato 12 ottobre

Domenica 13 ottobre

Facebook Twitter Pinterest

MANIFESTO PROGRAMMATICO (CON INVITO)

poltrona-blu

Il dato personale che trapela da molta parte dei testi che compongono il blog implica, da parte di chi (si) racconta, lo sforzo di oltrepassare la linea di demarcazione che separa la sfera privata dalla sfera pubblica, e costringe le due ad interfacciarsi, a compenetrarsi.
Raccontando di sé, delle proprie vicende personali, qui come altrove, si mettono a nudo degli aspetti della propria individualità che possono infastidire chi legge, se questi li vede come un pretesto all’esibizionismo, un’ostentazione anziché una modalità di connessione.
La nudità imbarazza, quella dei sentimenti lo fa ancor più rispetto la nudità della carne. Spogliarsi può significare provocazione, abbandonarsi al piacere di lasciarsi guardare (dentro). Ma il fraintendimento non è tanto nei confronti dei modi, quanto del fine: quel brano di coscia cerebrale che si mostra non mira a suscitare scalpore – non fine a se stesso, perlomeno – ma ad aggiungere un tassello al difficile percorso di conoscenza, di sé, e dell’altro.
Entrando in contatto con gli artisti avviene tra le parti una sorta di do ut des. Io espongo una parte della mia nudità cerebrale, racconto parte del mio vissuto nella misura in cui trovo di fronte a me terreno fertile ad accogliere parole e, per contro, troverò uno spiraglio, un taglio tra le costole dove affondare le dita, saggiare la “veridicità” del mio interlocutore, il quale non viene mai forzato ad aprirsi, ma messo deliberatamente nella condizione di raccontarsi. Le domande sono poche, non è un’intervista. Mai.
Lo scopo è duplice. Da una parte permane la volontà di instaurare un legame con l’Individuo che ho davanti, dall’altro si manifesta la necessità di approfondire una conoscenza – dapprima superficiale – al fine di acquisire elementi in più per comprendere il lavoro dell’Artista.
L’invito ad esserci al Take Care Corner è questo. Io mi siedo, ascolterò. Raccontatevi, se lo vorrete.

***

(photo courtesy of Marco Dal Maso for Olivares Cut)

Facebook Twitter Pinterest
Pagina 1 di 212